Il matrimonio di Jackie Kennedy: 3 insegnamenti di una donna perfetta per noi donne imperfette

02 novembre
2018

Com’è stato il matrimonio delle mogli più famose d’America? Sì, intendiamo proprio loro: Jackie, Hillary, Michelle, Melania & Co. Da oggi inauguriamo questo filone made in USA ma che piace moltissimo anche a noi europee con la Flotus (acronimo di The First Lady of the United States) per eccellenza: Jackie Kennedy.

Photo by Getty Images

Perché Jackie è la donna a cui si pensa appena si parla di first lady americane; sarà perché la stessa elezione di John Fitzgerald Kennedy fu uno dei primi eventi mediatici del secolo, sarà per quella sua eleganza innata fatto sta che, tra le molte spose famose di sempre, Jackie è quella che compare costantemente nelle hit di tutti gli articoli, nonostante siano passati molti anni da quel 12 settembre del 1953.

Un matrimonio faraonico e allo stesso tempo elegante; in pratica quello che per noi sarebbe un ingestibile paradosso per Jackie diventa un evento da trasformare in tendenza ricercata oltre che evidentemente del tutto impossibile da eguagliare.

Un matrimonio perfetto come ci si aspetta dalla impeccabile Jackie, appartenente all’impeccabile alta società newyorkese e che non ne ha mai sbagliata una da quando il mondo intero ha iniziato ad accorgersi di lei e a fotografarla in ogni possibile situazione. Anzi, in realtà, Jackie è perfetta anche da bambina, nelle foto di famiglia e altrettanto perfetti sono gli anni antecedenti alla fama mondiale. Una vera e propria Flotus. E anche se noi non sposeremo il futuro Presidente degli Stati Uniti e molto probabilmente non abbiamo un Oleg Cassini che ci disegna gli abiti in esclusiva, tantomeno apparteniamo all’alta società e, soprattutto, siamo lontanissime dalla perfezione, ci piace sognare a occhi aperti e non ci perdiamo un articolo sul matrimonio dei Kennedy spesso leggendo e rileggendo i soliti aneddoti. E va bene così, in fondo si sa che repetita iuvant!  

Dicevamo del matrimonio sontuoso: sai che alla cerimonia religiosa erano presenti ben ottocento invitati e poi ben quattrocento al ricevimento? E tu che ti stai chiedendo se sia il caso di invitare i cugini di secondo grado… E il punto è proprio questo: Jackie oggi ci insegna uno stile di vita che noi applicheremo all’organizzazione del nostro matrimonio! Perché, ci siamo dette, se ancora oggi, nell’era Kardashian, finiamo sempre tutte comunque e per fortuna ad esaminare nei dettagli le foto della bella Jackie, se facciamo la coda per ammirarla nell’ultima mostra a lei dedicata ci deve essere qualcosa di più del semplice glamour: Jackie si può definire un mood! E basta focalizzare l’attenzione su pochi dettagli delle sue nozze per cercare di rubare quegli elementi di sicuro successo che potrebbero contribuire a rendere indimenticabile il giorno del nostro sì, anche se più ne leggiamo e più ci sentiamo lontane anni luce da lei. Questi pochi dettagli li abbiamo riepilogati brevemente per te nei 3 punti che seguono:

1 - Stile

Il primo importante insegnamento della nostra amata Jackie è che quando hai un dubbio, ricorda di non fare mai niente di azzardato. Non cercare di essere sempre particolare a tutti i costi: spesso la sobrietà è una preziosa alleata oltre che la risposta più lungimirante alle tante domande che ti faranno tutti quelli che organizzano le tue nozze, dal fioraio al parrucchiere. Sai in cosa consiste il trucco per non sbagliare? Chiediti se tra dieci anni ti piaceranno ancora le scelte che stai facendo ora. In pratica ricorda che esiste un equilibrio perfetto in grado di rendere sempre attuale ogni opzione e questo equilibrio attinge dall’eleganza a costo di sembrare apparentemente banali.

2 - Cura del dettaglio

I guanti sono un vero segno distintivo per la sposa di classe. Quelli di Jackie arrivavano al polso ed erano deliziosi. Questi guanti, per quanto versatili e abbinabili a gran parte degli abiti da sposa, non sono indicati per tutti i modelli. Ragion per cui ti consigliamo di ricercare lo stile che meglio si adatta al tuo ma assolutamente non rinunciarci. Il giorno del matrimonio la sposa è speciale, per essere ordinaria ci sarà il resto della vita.

3 - Disinvoltura

Ebbene sì. Anche la più Godzilla di noi donne imperfette dovrà imparare a gestire con disinvoltura il velo e lo strascico del vestito. Non ce n’è: bisogna imparare. E se credi di non essere in grado piuttosto rinuncia a entrambe le cose e opta per un cappello con veletta ma, per carità, non fare scelte avventate solo per capriccio o perché hai visto una rivista con una modella che ti piaceva. Il giorno del tuo matrimonio non ci sarà una modella ma una donna in carne e ossa e se non ci metti un pizzico di grazia e buonsenso il risultato finale può trasformarsi velocemente in un disastro. Jackie non l’avrebbe mai fatto!

Bombolibri InnovAction Lab S.r.l. P. Iva/C. F: 02497260030 Rea: NO – 240036
Copyright © 2018 Bombolibri. Tutti i diritti riservati